Clôture de l’amour

Pascal Rambert


Teatro delle Passioni, Modena

26/05/2012 20.30  
27/05/2012 17.30  

testo, ideazione e direzione Pascal Rambert
con Audrey Bonnet e Stanislas Nordey
scene Daniel Jeanneteau
costumi La Bourette
arrangiamenti musicali Alexandre Meyer dalla canzone Happe (Alain Bashung - Jean Fauque), con il consenso di Barclay/Universal© edition, eseguita dagli allievi della “Scuola Voci Bianche” della Fondazione Teatro Comunale di Modena maestri preparatori Paolo Gattolin e Melitta Lintner
disegno luci Pascal Rambert e Jean-François Besnard

Théâtre de Gennevilliers Centre Dramatique National de Création Contemporaine
coproduzione Festival d’Avignon e Théâtre du Nord - Lille
con il supporto di Ile-de-France Regional Council, la città di Gennevilliers, e i servizi culturali della città di Gennevilliers
con il sostegno dell’Istituto Francese

Durata 2h

Prima nazionale

Spettacolo in francese con sottotitoli in italiano




Due attori, uno spazio vuoto, un testo ben scritto: talvolta le cose semplici riescono a dare vita a dei grandi momenti di teatro.
Rappresentato con enorme successo al Festival d’Avignone lo scorso mese di luglio, debutta in Italia questo testo che la critica non ha esitato a definire magistrale. In una grande scena bianca, ai limiti dell’asettico, viene messa in scena nel senso più letterale e radicale del verbo la fine della storia d’amore di una coppia di coniugi quarantenni.
Rambert, talentuoso regista e autore nell’atto della scrittura ha pensato, costruito, plasmato le parole sul corpo e sulla voce degli attori che le avrebbero intepretate.
Una storia apparentemente ordinaria che la scrittura di Rambert riesce a trasformare in una prova d’attore di forte impatto costruendola su due monologhi che non si fanno mai dialogo in cui le parole si fanno lame taglienti, creando un gioco teatrale ad altissima tensione. Due sfoghi che non possono essere interrotti, animati dalla rabbia e dall’urgenza della separazione. Due soliloqui recitati da due attori che si affrontano come su un ring di boxe, in un guardarsi a distanza che arriva a trasformarsi in quello che coreograficamente si è soliti definire un pas de deux.

Non ancora cinquantenne Pascal Rambert cresce e si forma artisticamente sotto i numi tutelari di Pina Bausch e di Claude Regy che influenzano fortemente la sua estetica espressiva. Dopo un periodo di formazione presso la Scuola di Chaillot diretta da Antoine Vitez, comincia ad alternare la pratica drammaturgica a quella registica. Attivo in USA come in Giappone ha insegnato in diverse università americane e presso l'Institute of Dramatic di Damasco. Autore di numerosi cortometraggi, dal 2007 è il direttore artistico del parigino Théâtre de Gennevilliers.

www.theatre2gennevilliers.com


Pascal Rambert

È a Nizza che Pascal Rambert realizza la sua prima regia, ancora studente al liceo. Inizia così un percorso atipico che, di tappa in tappa, lo porterà a fondare una propria compagnia teatrale, Side One Posthume Théâtre, ed a pubblicare i suoi primi lavori drammaturgici, Désir e Les Lits. Successivamente Rambert intraprende un'indagine personalissima nei diversi campi artistici, in Francia e all'estero. Invitato per la prima volta al Festival di Avignone nel 1989, scrive e dirige Les Parisiens, prima di collaborare insieme a Jean-Pierre Vincent al Théâtre Nanterre-Amadiers. Nel 1992 presenta due dei suoi testi, John et Mary e De mes propres mains, rappresentativi di una scrittura che alterna opere intime ad opere corali, come L'Épopée de Gilgamesh presentato nel 2000 al Festival di Avignone in un campo di girasoli, oppure After/Before ospitato nel 2005 e ancora Une (micro)histoire économique du monde che vedrà la luce nel 2010. Attuale direttore del Théâtre de Gennevilliers, centro nazionale di produzione contemporanea, continua un costante lavoro sul territorio. A VIE Rambert mette in scena Clôture de l'amour, testo che riprende l'opera presentata nel 2005, Le Debut de l'A..

Spettacolo



Programma
Vie Scena Contemporanea Festival è un'iniziativa di Emilia Romagna Teatro Fondazione
www.emiliaromagnateatro.com
realizzazione sito internet: Web and More S.r.l.
Privacy Policy