Una settimana di bontà_stagione 2

Orthographe


Teatro Dadà, Castelfranco Emilia

25/05/2012 18.30  
26/05/2012 23.00  

regia Alessandro Panzavolta
video Francesco Tedde
musica dal vivo Virginia Genta, David Vanzan
ideazione del gioco ‘Cobain Affaire $$$’ Alessandro Panzavolta
in collaborazione con Ane Lan, Luca Dubbini, Francesco Tedde
grafica Leila Gharib
con Silvano Voltolina (il presentatore), Jooklo Duo (la band), Francesco Tedde (l’operatore video), Luca Dubbini (il presidente della giuria)

Orthographe, dada prod.
spettacolo realizzato grazie a Accordo GECO 2 Giovani Evoluti e Consapevoli – Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù – Regione Emilia-Romagna, realizzato da Emilia-Romagna Teatro Fondazione
diffusione dada prod.

CODA – TEATRI DEL PRESENTE

Durata 1h 30’

Prima assoluta

Prenotazione obbligatoria




Una settimana di bontà è un progetto artistico che si sviluppa in più livelli espressivi e fa uso di differenti linguaggi. Il progetto si articola in ambito editoriale, performativo e teatrale. L'edizione di un gioco da tavolo Cobain Affaire $$$ del genere party game è finalizzata alla creazione di un'ambientazione e di un contesto scenico funzionale alla performance, ma è anche di per sé un prodotto commerciale, un gioco da tavolo che viene promosso e venduto attraverso una pagina web e direttamente al pubblico in occasione delle sessioni di gioco in teatro o in altri contesti performativi.
La messa in scena di un torneo di Cobain Affaire $$$ all'interno del teatro coinvolge gli spettatori in un gioco di società dalle regole spietate, dove l'unico scopo è il con-trollo delle informazioni e il guadagno facile, attraverso alleanze e compromessi stra-tegici. Lo spettacolo che utilizza gli elementi e le dinamiche proprie di un gioco a premi televisivo sarà condotto da un presentatore accompagnato dalla sua band preferita. Ad ogni replica è prevista l'assegnazione di una copia del gioco Cobain Affaire $$$ al vincitore.

www.orthographe.it
www.unesemainedebonte.com


Orthographe

Gli Orthographe (Alessandro Panzavolta, Forlì 1975 / Angela Longo, Ravenna 1978) nascono nel 2004 a Ravenna. Fin dall'inizio sono impegnati nella creazione di lavori in cui le arti visive, performative e teatrali si intrecciano e combinano. Il lavoro di ricerca sui dispositivi ottici applicati alle arti visive e teatrali li porta alla realizzazione degli spettacoli per camera ottica Orthographe de la physionomie en mouvement (2005 Biennale di Venezia sezione teatro) e Tentativi di volo (2007 What's Next Spielart Monaco di Baviera). Nel 2009 producono Controllo Remoto (Rotterdamse Schouwburg), fantasmagoria sull'immaginario bellico dai diaporami della guerra civile americana sino al laser. A VIE Festival 2011 presentano la “stagione 1” del progetto Una settimana di bontà, che indaga i meccanismi di controllo e manipolazione esercitati dai mezzi di comunicazione di massa e dalle nuove tecnologie della comunicazione, in funzione di uno “spettatore non orientato”. Tra le loro installazioni e performance: ¡Thump Flash! (2011), JP-8000 supersaw (2011), Gorgone I, II, III (2009>10), Fuoco bianco su fuoco nero (2008), Erinnerung (2007). Dal 2011 insieme all’etichetta indipendente Presto!? curano la serie di performance musicali per planetario Paradoxes. Collaborano dal 2007 con il musicista Lorenzo Senni e il fotografo Cesare Fabbri.

Spettacolo

Programma
Vie Scena Contemporanea Festival è un'iniziativa di Emilia Romagna Teatro Fondazione
www.emiliaromagnateatro.com
realizzazione sito internet: Web and More S.r.l.
Privacy Policy