Te haré invencible con mi derrota

Angélica Liddell


Teatro Comunale, Carpi

21/10/2011 21.00  
22/10/2011 23.00  

Creazione e interpretazione Angélica Liddell
Disegno luci Carlos Marqueríe
Assistente alle luci Octavio Gòmez
Suono Antonio Navarro
Musica Concerto per violoncello di Edward Elgar interpretato da Jaqueline Du Pré e 13° Concerto per strumenti all'unisono di François Coupertin interpretato da Jaqueline Du Pré e William Pleeth
Regia luci Félix Garma
Produttore esecutivo Gumersindo Puche
Direttore di scena Carmen Menaguer
Aiuto regia Carmen Quintana
Produzione Iaquinandi S.L. e FESTIVAL CITEMOR
Assistente di produzione Mamen Adeva
Coproduttori Atra Bilis, Iaquinandi. S. L. e Citemor

Durata 1h 10'

Prima Nazionale

Spettacolo in spagnolo con sottotitoli in Italiano






La spagnola Angélica Liddell, qui al suo debutto assoluto in Italia, è da molti anni una protagonista indiscussa della scena europea. Artista eclettica e inquieta, è interprete, regista e drammaturga ma anche poetessa e artista visiva.
Dotata di una personalità forte segnata da una vena di forte melanconia che spesso sfocia nel tormento e financo nell’angoscia, Liddell nel corso della sua carriera ha dato vita a decine di spettacoli in cui si mette in gioco e in scena in maniera forte. Spesso le sue creazioni traggono spunto dalla perdita, dal dolore, spesso la spinta creativa che la porta a concepire e creare spettacoli di grande impatto ai limiti della crudezza ma di fortissima intensità emotiva, le viene dettata dalla sfida della sottrazione, dalla ribellione al dolore che il venire meno può causare. È questa la genesi anche di Te haré invencible con mi derrota lavoro apparentemente crudo e sorprendentemente poetico. Un lavoro capace di trasformarsi in un grido d’amore nei confronti di Jacqueline Du Pré, violoncellista britannica unanimemente ritenuta, ad oltre venti anni dalla sua prematura scomparsa avvenuta nel 1987, una delle più grandi virtuose del suo strumento.

Moglie di Daniel Barenboim, tra i più grandi direttori d’orchestra al mondo, la Du Pré scomparve nel 1987, a soli 42 anni, vinta da una malattia terribile e incurabile il cui decorso si sviluppò in dieci interminabili anni, la sclerosi multipla, che ebbe l’effetto di immobilizzarla in modo progressivo.

Sola in scena, Angélica Liddell che in questo periodo della sua vita si trova ad avere la stessa età in cui la Du Pré scomparve, cerca la complicità di un dialogo possibile con lei, e lo fa con un lavoro in cui recita, si ferisce, si pone delle domande sul suo presente e sul destino della Du Pré, suona e incide frasi su alcuni violoncelli che abitano la scena insieme a pochissimi altri oggetti.
Un lavoro ad altissima intensità emotiva.




http://www.angelicaliddell.com


Angélica Liddell

Nata a Figueres nel 1966, Angélica Liddell, ha fondato la compagnia Atra Bilis Teatro nel 1993, il cui nome deriva da un’espressione latina usata dalla medicina antica per descrivere l’umore nero, ritenuto la causa della malinconia. Un nome come un programma declinato in una ventina di pezzi scritti dall'artista, scrittrice, regista e interprete delle sue creazioni.
Le sue parole, di una poesia cruda e violenta, sono quelle della sofferenza intima e collettiva, entrambe inseparabili da Angélica Liddell. Le sue opere sono state tradotte in francese, inglese, rumeno, russo e portoghese. Vince il premio Maison de l’Amérique 2003 per l’innovazione della sua drammaturgia con La pasiòn anotada de Nubila Wahlheim. Vince il premio di teatro SGAE nel 2004 con Mi relaciòn con la comida. Vince il premio Critique Second Milénaire nel 2005 per il corpo delle sue opere. Vince il premio Notodo come miglior spettacolo dell’anno 2007 con Perro muerto en tintorerìa: los fuertes. Vince il premio Valle-Inclàn nel 2008 con El año de Ricardo. I suoi ultimi lavori sono Te haré invencible con mi derrata e La casa de la fuerza, attualmente in tournée. Un proyecto de alfabetizaciòn, la sua nuova produzione, è ancora in gestazione.

Spettacolo


Programma
Vie Scena Contemporanea Festival è un'iniziativa di Emilia Romagna Teatro Fondazione, www.emiliaromagnateatro.com
realizzazione sito internet: Web and More S.r.l.

Privacy Policy