OTRO (OR) WEKNOWITSALLORNOTHING

Enrique Diaz / Cristina Moura /Coletivo Improviso


Teatro Herberia, Rubiera (RE)

09/10/2010 21.00  
10/10/2010 17.00  

Regia e drammaturgia: Cristina Moura, Enrique Diaz
Ideazione e progetto: Enrique Diaz
Con: Cristina Moura, Denise Stutz, Daniela Fortes, Enrique Diaz, Felipe Rocha, Raquel Rocha, Renato Linhares, Thierry Tremouroux
Scenografia: Aurora dos Campos
Suono: Lucas Marcier
Luci: Renato Machado
Costumi: Luíza Marcier
Video design: Felipe Ribeiro
Assistente alla regia e drammaturgia: Alex Cassal
Tecnico delle luci: Leandro Barreto
Tecnico di scena: Aurora dos Campos
Direttore di tournée : Henrique Mariano
Tirocinanti: Michel Blois, Isadora Malta
Collaboratori : Adriana Seiffert, Álamo Facó, Alessandra Colasanti, Alex Cassal, Bel Garcia, Cristina Flores, Daniela Amorim, Ernesto Solis, Fernanda Felix, Flavia Gusmão, Felipe Abib, Ignácio Aldunate, Joelson Gusson, Keli Freitas, Mariana Kaufman, Michel Blois, Nuno Gil, Patrick Sampaio, Pedro Brício, Pedro Henrique Monteiro, Thiarê Maia.

Produzione: ENRIQUE DIAZ AND MD FORTES PRODUÇÕES LTDA, Machenka Produções
Produzione/Rio de Janeiro : Rossine de Freitas, MD Fortes Produções Artísticas
Produzione Europa: Made In Productions

Coproduzione: Kunstenfestivaldesarts, Hellerau – European Center for the Arts
(Dresden), Wiener Festwochen, La Ferme du Buisson, Scéne Nationale de Marne – la-Vallée, Tempo_Festival das Artes (Rio de Janeiro), Le-Maillon Théâtre de Strasbourg/Scène européenne (Strasbourg), Funarte – Prêmio Myriam Muniz

Spettacolo in portoghese sottotitolato in italiano

Durata: 1h 20 minuti

PRIMA NAZIONALE


VIE ospita il debutto nazionale di OTRO (OR) WEKNOWITSALLORNOTHING nuovo lavoro di Enrique Diaz, talentuoso artista brasiliano che ne firma la regia insieme a Cristina Moura.
Frutto della loro proficua collaborazione artistica, OTRO è l’esito di un felice incontro umano e artistico.





Questo lavoro si presenta infatti come una felice sintesi tra l’efficacia drammaturgica e visuale di Diaz e la rigorosa di indagine sul movimento di Moura, coreografa e ballerina. Entrambi protagonisti anche sul palco,i due artisti hanno dato vita ad uno spettacolo che non mancherà di sorprendere, nel segno di un nuovo linguaggio di scena.
Il lavoro di Diaz parte da una considerazione apparentemente semplice:
Chi è per noi l’altro? L’altro che si manifesta nella figura dell’estraneo, il diverso da sé, non è anche- e soprattutto- la chiave attraverso la quale conoscere se stessi? Ognuno di noi infatti costruisce la propria soggettività “riflettendosi” nella comunità cui appartiene.
Da questa premessa il lavoro prende forma seguendo un preciso metodo che trova un primo e imprescindibile riferimento nel mondo di Clarice Lispector, scrittrice da lui molto amata, definita dalla critica, con efficace sintesi, la Kafka della letteratura brasiliana. A questo primo elemento si affianca e mescola la ricerca documentaristica, ulteriore pilastro fondante della creazione artistica di Diaz, attraverso un vero e proprio lavoro sul campo mosso a raccontare la realtà. Osservazione, registrazioni e interviste sono infatti il materiale da cui derivare una visione poetica, da cui trarre un linguaggio che permetta di declinare in chiave artistica il mondo nella sua materialità di parole e gesti, pratiche e abitudini.
Tutto nasce, infatti, dalla percezione dell’altro, dal riconoscimento della sua esistenza. Il processo creativo di Diaz e Moura si focalizza sulla figura umana, osserva le relazioni che ciascuno di noi sperimenta nella sua sfera di vita privata e pubblica; due dimensioni che tendono a generare due distinti modelli di comportamento, uno più intimo e spontaneo, l’altro più controllato e sottoposto alle regole della convivenza, alle pratiche della vita in comune.

www.madeinproductions.eu


Enrique Diaz / Cristina Moura /Coletivo Improviso

Enrique Diaz, attore e regista brasiliano, è stato uno dei fondatori della Companhia dos Atores de Rio de Janeiro, diventata celebre all’inizio degli anni Novanta con A Boa A Qu, performance ispirata agli scritti di Jorge Luis Borges.
Enrique Diaz ha diretto molti lavori spaziando da allestimenti di testi classici a testi di drammaturgia contemporanea. Data la sua formazione attoriale, come regista riserva grande importanza alla presenza dell’attore sulla scena ponendola al centro della creazione. Dal 1998 dirige Coletivo Improviso.
Diaz ha ricevuto il Premio della Critica conferitogli dalla stampa francese per Repetition.Hamlet quale miglior produzione straniera della stagione teatrale 2005 – 2006.

Cristina Moura è coreografa, regista e attrice. Ha studiato danza classica e ha fatto parte per dieci anni del Brazilian Group Endança
Tra il 1996 ed 2003 Moura ha lasciato il suo paese d’origine per trasferirsi in Europa dove ha lavorato con numerose compagnie di danza , tra cui il celebre Les ballet C de la B.di Alain Platel. Like an idiot, assolo da lei creato nel 2003, ha registrato oltre cento repliche in tutto il mondo.Dal 2004 Moura entra a far parte del Coletivo Improviso

Spettacolo

Programma
Vie Scena Contemporanea Festival è un'iniziativa di Emilia Romagna Teatro Fondazione, www.emiliaromagnateatro.com
realizzazione sito internet: Web and More S.r.l.

Privacy Policy