Č BELLO VIVERE LIBERI !

Ispirato alla biografia di ONDINA PETEANI
Prima staffetta partigiana d'Italia deportata
ad Auschwitz N. 81 672

Generazione Scenario-Marta Cuscuną


Ponte Alto, Modena

15/10/2009 19.00    22.30  


ideazione, drammaturgia, regia e interpretazione Marta Cuscuną
costruzione degli oggetti di scena Belinda De Vito
luci e audio Marco Rogante
disegno luci Claudio Parrino
co-produzione Operaestate Festival Veneto
cura e promozione Centrale Fies
con il sostegno di Comitato Provinciale per la promozione dei valori della Resistenza e della Costituzione repubblicana di Gorizia, A.N.P.I. Comitato Provinciale di Gorizia, A.N.P.I. Sezione di Ronchi dei Legionari, Centro di Aggregazione Giovanile del Comune di Monfalcone, Biblioteca Comunale Sandro Pertini di Ronchi dei Legionari, Comune di San Vito al Tagliamento Assessorato ai beni e alle attivitą culturali, Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia, Polo di Aggregazione Giovanile Toti del Comune di Trieste

Prima assoluta


Durata 1h 30'


launch video

Spettacolo vincitore del premio Scenario per Ustica 2009 E'BELLO VIVERE LIBERI ! č il lavoro che Marta Cuscuną ha creato intorno alla figura di Ondina Peteani, tra le prime donne ad impegnarsi nella lotta di Liberazione e che per questo venne deportata ad Auschwitz. Un’esperienza terribile che segnņ per sempre la sua esistenza.
Lo spettacolo, ideato e interpretato dalla stessa Marta Cuscuną, utilizza linguaggi espressivi differenti: il monologo civile, le testimonianze storiche e il teatro di figura con burattini e pupazzi per raccontare le rocambolesche avventure dei partigiani e evocare l’orrore del lager.
Il lavoro di Marta Cuscuną nasce dalla scoperta di un nuovo punto di vista da cui guardare la Resistenza: quello di una ragazza giovanissima che, con entusiasmo e passione, lotta per la libertą. E' BELLO VIVERE LIBERI! cerca di riscoprire, al di lą della retorica e dello sterile nozionismo, un periodo cosģ vitale e vertiginoso della storia del nostro Paese, in cui tutto sembrava possibile.


Generazione Scenario-Marta Cuscuną

Marta Cuscuną nasce a Monfalcone, cittą operaia famosa per il cantiere navale in cui si costruiscono le navi da crociera pił grandi del mondo e per il triste primato dei decessi per malattie causate dall'amianto. Si forma nell’ambito della Scuola Europea per l’Arte dell’Attore “Prima del Teatro” frequentando, dal 2005 al 2008, i corsi condotti da Joan Baixas, Paulo Duarte, Nuria Legarda (Teatro visuale), Agustķ Humet, Xavier Algans, Jordi Muixi (Teatro musicale: L’Opera da tre soldi), Yuri Krasovskij (L’attore: un autore del suo ruolo. Studio per Zio Vanja, Le tre sorelle, Il giardino dei ciliegi e Il gabbiano), José Sanchis Sinisterra, Francesco Manetti, Giovanni Greco (Coralitą per attori e drammaturghi).



Come attrice prende parte agli spettacoli Pesciomģni di Ugo Vicic (2004) e Pippo Pettirosso di Tullio Altan (2005) (produzioni CTA-Centro Regionale di Teatro d’Animazione e di Figure), Merma Neverdies, spettacolo con pupazzi di Joan Mirņ, regia di Joan Baixas (2006, prod. Elsinor-Barcellona), Indemoniate! di Giuliana Musso e Carlo Tolazzi, regia di Massimo Somaglino (2007, prod. Teatro Club Udine, Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia).

Spettacolo

Programma
Vie Scena Contemporanea Festival č un’iniziativa di Emilia Romagna Teatro Fondazione, www.emiliaromagnateatro.com
realizzazione sito internet: Web and More S.r.l.

Privacy Policy